AD ACERRA TORNA IL JAZZ&WINE IN PIAZZA CASTELLO

Potremmo chiamarle “Pillole di Acerra Jazz&Wine“…

Domenica 14 febbraio 2016, a San Valentino, tornano le sonorità Jazz in Piazza Castello ad Acerra, grazie a un quintetto del Nucleo – Collettivo Musicale che dalle 19,30 suonerà nell’ambito della manifestazione “Acerra in Love“.

I giovani artisti del “Nucleo” sono stati i protagonisti dell’ultima edizione di Acerra Jazz&Wine, promossa dall’Associazione Esposito Wine and Food International, il 10 luglio scorso.

Domenica sera, Vinoteca Esposito, principale sostenitore della kermesse dedicata al vino, al territorio e alla buona musica, accompagnerà il Jazz in Piazza Castello con un #aperivino dedicato alle coppie di innamorati.

Acerra San Valentino Jazz Wine Love
Tagliere di salumi (norcineria) e 2 calici di vino offerti a € 9,90 a coppia.

Felicità è un bicchiere di vino cantava una famosa coppia della musica italiana, ma per noi il vino è anche e soprattutto passione!

A proposito di passione… l’#aperivino di San Valentino sarà proposto anche in versione “afrodisiaca”.

Clicca qui per scoprirlo.

ACERRAJAZZV_Gold

SAN VALENTINO AFRODISIACO E (DI)VINO

La sera di San Valentino è davvero un must per le coppie di innamorati di tutto il mondo. Va organizzata con cura, pensando bene a quali cose fare per trascorrerla e sfruttarla al meglio.

Vinoteca Esposito propone una serata magica per il 14 febbraio, con un #aperivino speciale in due varianti. La prima prevede un piatto di norcineria e due calici a € 9,90 a coppia, mentre la seconda proposta è scoppiettante, perchè alle famose proprietà rilassanti del vino che sicuramente contribuisce a un dopocena intenso e passionale ;), si uniscono quelle di un afrodisiaco naturale di cui molti non conoscevano l’esistenza.

Un #aperivino afrodisiaco. La dottoressa Sara Farnetti, specialista in Medicina interna e nutrizione funzionale del Policlinico Gemelli di Roma, ha messo a punto uno studio che dimostra alcune caratteristiche davvero interessanti per quello che è un pesce nobilissimo seppur ancora poco conosciuto in questa chiave. “Lo stoccafisso è adatto per le diete delle ragazze che temono la ritenzione idrica e la cellulite – afferma la nutrizionista – è povero di sodio, ma è ricco di iodio.

Ed è anche afrodisiaco“.Anche gli uomini, infatti, hanno i loro buoni motivi per portare a tavola questo piatto. “Lo stoccafisso grazie al suo contenuto di arginina, una sostanza naturale da cui deriva il nitrossido, una molecola gassosa responsabile dell’erezione maschile – afferma la Farnetti – può considerarsi un ottimo stimolante sessuale. Ci sono ben 1,8 grammi di questa sostanza in ogni 100 grammi di prodotto”. Povero di sale, al contrario dell’altro pesce con cui è spesso confuso, cioè il baccalà che viene conservato sotto sale, lo stoccafisso “può essere inserito nelle diete iposodiche perché contiene tanto sodio quanto quello che c’è in una bistecca di pollo”.

Il San Valentino da Vinoteca Esposito. La variante afrodisiaca è con lo stoccafisso in sostituzione della norcineria (stesso prezzo).
Il San Valentino da Vinoteca Esposito. La variante afrodisiaca è con lo stoccafisso in sostituzione della norcineria (stesso prezzo).
Stoccafisso con Fagioli Cannellini di Acerra - Presidio Slow food. Qualità per vocazione...
Stoccafisso con Fagioli Cannellini di Acerra – Presidio Slow food. Qualità per vocazione…

NERO DI TROIA: FAI IL PIENO DI ANTIOSSIDANTI

Il Nero di Troia è uno dei cavalli di battaglia della Vinoteca Esposito ad Acerra. Lo serviamo sciolto al calice o in bottiglia, ma lo proponiamo anche imottigliato da aziende vitivinicole di assoluta eccellenza come Emèra, di cui abbiamo già parlato a proposito dell’ottimo Primitivo di Manduria, in questo post.

Bene, pare che questo vitigno Pugliese, altrettanto antico e identitario come il Primitivo e Negramaro, oltre che avere una storia ricca di tradizioni ed essere stato tra i nettari preferiti dall’Imperatore Federico II di Svevia, sia anche un vero e proprio elisir di lunga vita. Almeno secondo la tradizione popolare, di recente supportata da alcune evidenze scientifiche.

Uve di Troia
Uve di Troia

Chi beve Nero di Troia campa cent’anni! Dicevano gli anziani in quel del triangolo Barletta – Andria – Trani, in cui si concentra la maggior parte della produzione e vinificazione del Troia. Ma qual’è il segreto dietro questa promessa di benessere?

La parolina magica è resveratrolo, una molecola di cui è ricchissima la buccia di Uve di Troia, alla quale sono state attribuite diverse capacità: prima di tutto quella di essere un potente antiossidante e quindi di proteggere le cellule dai danni degli agenti nocivi.
Questa molecola ha anche la capacità di regolare i processi di riparazione del Dna, oltre che l’azione di interferire con i meccanismi di trasformazione e di diffusione delle cellule tumorali. Il resveratrolo si diffonde molto rapidamente nel sangue: da qui le sue proprietà antiipertensive e di prevenzione cardiovascolare, che sono state osservate anche dalla medicina tradizionale asiatica.

E allora cosa aspettate a correre in Vinoteca e fare un bel pieno di antiossidanti? Vi proponiamo Nero di Troia sciolto oppure imbottigliato dalle prestigiose tenute di Claudio Quarta…

UVE DI TROIA TENUTE EMERA

2000_uve_di_troiaUVE: 100% Uva di Troia
TENORE ALCOLICO: 13,5%
COLORE: rosso rubino.
PROFUMO: bouquet fruttato.
GUSTO: deciso con sentori di frutti rossi.

Se ancora non siete convinti, se le proprietà benefiche non vi bastano, approfondite il Nero di Troia guardando questo stupendo filmato, dura poco più di 10 minuti.

Buona visione!

Valpolicella Ripasso, doc classico superiore Villabella

l Valpolicella Ripasso doc è ottenuto dal contatto del Valpolicella base sulle vinacce residue dell’Amarone per circa 15/20 giorni. Esso risulta caratterizzato da una maggior struttura e longevità rispetto al Valpolicella base, da una maggiore alcolicità, da un’acidità più bassa e una maggior rotondità, da un più elevato valore in estratti e in sostanze fenoliche. Prodotto con uve Corvina, Rondinella ed una piccola percentuale di Molinara, Rossignola e Negrara coltivate nella Valpolicella Classica, seguendo l’antica tradizione della riferimentazione sulle vinacce dell’Amarone (ripasso). Note di Degustazione Al naso intense memorie di ciliegia, mora, mirtillo e prugna con note di spezie. Asciutto e di notevole struttura al palato, coniuga sentori di frutto a venature speziate (cannella, chiodo di garofano e pepe).

valpolicella-ripasso-villabellaRIPASSO
VALPOLICELLA CLASSICO SUPERIORE
Denominazione di Origine Controllata

Classificazione: Valpolicella Classico Superiore Ripasso d.o.c.

Tipo di vino: rosso secco

Prima annata di produzione: 1998

Zona di produzione: i vigneti sono situati nei cinque comuni storici della Valpolicella Classica (Fumane, Marano di Valpolicella, Negrar, San Pietro in Cariano, Sant’Ambrogio di Valpolicella), sulle colline a nord-ovest di Verona, nel cuore della zona di produzione dell’Amarone

Tipo di terreno: calcareo-argilloso

Uve: Corvina 55-65%, Rondinella 25-30%, Molinara, Rossignola e Negrara 10%

Sistema di allevamento: pergola veronese

Resa per ettaro: 100 q

Epoca di vendemmia: primi giorni di ottobre

Vinificazione: ottenuto con la tecnica del ripasso, tradizionale della Valpolicella. La fermentazione viene effettuata a temperatura controllata (a 25 gradi) per 12 giorni. Le bucce e i vinaccioli vengon mantenuti immersi nel mosto (è la cosiddetta tecnica del “cappello sommerso”) allo scopo di estrarre al massimo le varie componenti dell’uva. Nella primavera successiva si effettua l’operazione del ripasso: il vino viene fatto fermentare nuovamente sulle vinacce, ancora cariche di zuccheri e aromi, delle uve appassite utilizzate per la produzione dell’Amarone, acquisendo in tal modo maggiore struttura e complessità

L’AGLIANICO FRUTTATO DELLA TENUTA SCUOTTO

Vino per Passione. Qualità per Vocazione…

Questo il motto della Tenuta Scuotto, un importante progetto vitivinicolo che annovera nella sua produzione di qualità Aglianico, Taurasi, Greco e Fiano.

A Lapio, in Irpinia, all’ombra del monte Tuoro, in un’oasi immersa nel verde, sorge Tenuta Scuotto. Eduardo Scuotto aveva il desiderio di produrre un vino di eccellenza, di mettere la “poesia in bottiglia” ed è grazie a questa filosofia da vignaniolo di altri tempi che Scuotto ha conquistato diversi riconoscimenti nell’ambito dell’enologia.

Così anche Vinoteca Esposito ha deciso di portare i prodotti di Tenuta Scuotto nella propria selezione ad Acerra.

In questo post vi proponiamo l’Aglianico IGP, 100& uve Taurasi.

CARATTERISTICHE ORGANOLETTICHE
Colore: Rosso rubino intenso.
Profumo: Vino molto fruttato, molto intenso con sentori di cassis, mora e confettura di frutti rossi.
Sapore: Secco, caldo, morbido, di buon corpo, con una buona freschezza e forte persistenza aromatica che amplifica le note percepite all’olfatto. Notevole la trama dei tannini morbidi ben fusi.
Temperatura di servizio: 18 ° C
Abbinamento: Vino ideale per piatti di media grassezza come sughi, ragù e carni alla brace di media succulenza. Ottimo come vino da tutto pasto.

Le uve sono state raccolte nella seconda decade di ottobre. Le operazioni di pigiatura hanno preceduto l’inizio della fermentazione alcolica con una macerazione di circa 12 giorni, al termine della quale si è provveduto alla svinatura con separazione del vino di prima pressata.
Segue un affinamento in bottiglia per circa 6 mesi.

Per saperne di più vi aspettiamo in Vinoteca

Intanto potete consultare il sito del produttore qui

E vedere il servizio televisivo dedicato qui sotto.

Guida al “Bere bene” a Natale sotto i 10 euro: i bianchi.

Prosecco Friulvini

Ecco la guida fotografica alla selezione di Vini bianchi che puoi acquistare con meno di 10 euro a bottiglia presso la Vinoteca Esposito, per tutto il periodo natalizio. (Fotogallery)

Leggi anche la guida ai nostri Vini Rossi sotto  i 10 euro: qui.

Champagne, Prosecco o Spumante: quali “bollicine in festa”?

In qualsiasi maniera si passeranno queste festività natalizie, qualunque sia la nostra compagnia, c’è una costante che in nessun luogo e contesto potrà mancare: il brindisi con parenti, amici, fidanzate/i e cos’ via, con i calici roteanti tra bollicine allegre, scoppiettanti, di buon augurio.

Vinoteca Esposito vi presenta una parte della selezione che potrete trovare ad Acerra in Piazza Castello. Dallo Champagne al Prosecco, un assortimento per tutti i gusti capace di accontentare tutti e soddisfare ogni esigenza.

Buona lettura.

Franciacorta Le Terre
Franciacorta Le Terre

Questo spumante brut lombardo, dal sapore secco oltre i vostri brindisi,  è perfetto con crudità di mare e piatti delicati. Ottimo come aperitivo o per accompagnare dolci secchi. Si serve in flute di cristallo, dalla forma a tulipano stretto, ad una temperatura di 8°C.

Millè - Franciacorta di Villa Crespia (Arcipelago Muratori)
Millè – Franciacorta di Villa Crespia (Arcipelago Muratori)

MILLÈ è uno Chardonnay in purezza frutto di un assemblaggio di vini prodotti con uve coltivate in diversi ambienti della Franciacorta. Un NUOVO modo di concepire il metodo Franciacorta. Prima di essere imbottigliato per dare il via alla seconda fermentazione alcolica,tipica di tutti i Franciacorta, Millè è affinato in acciaio per oltre 30 mesi mantenendo in costante agitazione il deposito fine ricco di lieviti.

L’affinamento in acciaio prima dell’imbottigliamento consente di godere di un millesimo  potendone  apprezzare la fresca  e  piacevole  longevità. Ecco  MILLÈ:  la somma  delle  due  tecniche  dove  la  percezione  di  freschezza  viene  ampliata  e mantenuta costante nel tempo.

Perlagé fine, compatto e persistente. Al naso emergono note floreali dolci, crosta di pane, lievito e scorze di agrumi candite. Al palato risulta agile, di buona struttura, presenta ritorni di note speziate e tostate, intrigante ed unico.

0000403_ca-del-bosco-cuvee-prestige-75cl-franciacorta
Ca’ del Bosco – Cuvée Prestige

Cuvée Prestige, essenza della Franciacorta in stile Ca’ del Bosco. Un gioiello nato nel 2007 da un sapere lungo trent’anni. Solo le migliori selezioni di uva Chardonnay (75% ), Pinot nero (15% ) e Pinot bianco (10% ) provenienti da ben 134 vigne, vengono vinificate separatamente e sapientemente assemblate alle riserve delle migliori annate (almeno il 20% ), nel rito magico della creazione della Cuvée. Solo dopo 28 mesi di affinamento sui lieviti questo vino potrà esprimere la sua ricchezza e identità. Un Franciacorta classico, equilibrato, piacevolmente fresco e acidulo. Perfetto per ogni occasione. Alcool 12,5% Vol.

Abate Nero Brut (Trentino)
Abate Nero Brut (Trento)

Etichetta storica della cantina questo spumante classico ha nella finezza dell’aroma la caratteristica che lo distingue, il suo stile deciso, inconfondibile. Parliamo qui di uno Spumante Metodo Classico Trento D.O.C., Extra Brut ricavato da vitigno Chardonnay tramite vinificazione in bianco con spremitura soffice delle uve e prima fermentazione in acciaio. Presa di spuma e permanenza sui lieviti selezionati per almeno 18 mesi. Gradazione alcolica 12,5 e temperatura di servizio 6-8 °C. Alla vista si presenta color giallo paglierino con leggeri riflessi verdolini. Perlage fine e persistente. All’olfatto richiama frutta a polpa bianca accompagnata da delicate note di fiori di campo e il gusto è fine ed equilibrato con un piacevole fondo di frutta matura e sentori di crosta di pane.

Già alla fine degli anni ’70 ad Abate Nero Brut veniva riconosciuta l’eccellenza da parte della “Confraternita della Vite e del Vino del Trentino” mentre negli anni ’80 il Gambero Rosso gli assegnò in varie occasioni l’Oscar “Qualità/Prezzo”. Nell’ultimo decennio è stato più volte segnalato con “Due bicchieri” sulla guida del Gambero Rosso e con “Quattro sfere” sulla guida Sparkle, mentre Luca Maroni gli ha assegnato 81 punti e la guida dell’Espresso un punteggio di 15,5/20.

Dal suo straordinario equilibrio deriva la versatilità, la facilità nell’abbinamento: spumante di bun corpo e lunghezza è in grado di sostenere con grande piacevolezza il tutto pasto.
valdo-prosecco-cuvee-di-boj-magnum-1038456-s238
Cuvée di Boj Valdo

Spumante Valdobbiadene Prosecco Superiore D.O.C.G. Brut

Uvaggio Glera, Metodo Charmat lungo di 5 mesi e successive maturazione di 3 mesi in bottiglia. Rappresenta la massima espressione di tipicità del Valdobbiadene Prosecco Superiore D.O.C.G.
Nasce da uve dell’antica località “Valle dei buoi”,zona vocata dalle straordinarie caratteristiche territoriali
Di colore giallo paglierino con riflessi dorati brillanti presenta perlage sottile e persistente. Aroma caratteristico, fiorito e con pronunciato fruttato di pera e mela Golden.

Sapore raffinato, armonico, ottima persistenza di aromaticità e di sapidità.

Il calice è il bicchiere più adatto per ottenere il massimo sviluppo del perlage ed apprezzare, quindi, tutte le caratteristiche del prodotto. La temperatura di mescita ideale è di 6-7°C. E’ buonanorma raffreddare la bottiglia in modo graduale, senza che la stessa subisca sbalzi di temperatura improvvisi. E’ anche opportuno non far sostare alungo lo spumante nel frigorifero

Abbinamento. Esprime al massimo le proprie peculiarità con piatti a base di pesce. Ottimo come aperitivo, ma ancor
più come vino che accompagna perfettamente tutto il pasto. Gradazione: 11,5% Vol.

bellenda-prosecco-spumante-extra-dry-miraval
Bellenda – SAN FERMO Conegliano Valdobbiadene DOCG Prosecco Superiore Brut
Ottenuto dalla fermentazione naturale delle uve glera delle colline di Conegliano, spumantizzato e lasciato maturare in acciaio e poi in bottiglia per alcuni mesi,la spumantizzazione avviene secondo il metodo italiano, in autoclave d’acciaio della capacità di 100 hL in un tempo medio di circa due mesi.
Va servito a 6-8 °C in calice ampio da Prosecco. Da evitare la flute che impedisce la completa espressione del bouquet.San Fermo è un eccellente aperitivo, si sposa magnificamente con antipasti e piatti a base di pesce e verdure. Le sue caratteristiche di struttura ne consentono una buona evoluzione nei due anni successivi alla vendemmia. Ben conservato evolve raggiungendo una buona complessità sia al naso che in bocca nei 4 anni successivi alla vendemmia. Alcool 11,50% vol.

 

1378216248_2
Ribolla Gialla Puiatti – Metodo Classico
100%  Ribolla Gialla, dai terreni ghiaiosi dell’Isonzo. Il Ribolla Gialla è abitualmente sottovalutato in chiave charmat, ma è elevato da Puiatti in Metodo Classico, con un limitato  affinamento sui lieviti, dai quindici ai diciotto mesi. Extra Brut morbido con quattro grammi di zucchero nella sboccatura che regalano un gusto netto, fragrante, felice, dal garbo imprendibile. Un grande vitigno autoctono che veste il Metodo Classico quindi con un 12% di alcolicità che si abbina sia all’aperitivo che a tutto pasto nei menù a base di pesce.
54124_productMain_1
G.H. MUMM BRUT

Si tratta di uno champagne spumeggiante dal delicato colore giallo dorato, con una miriade di fini, eleganti bollicine. Ideale come aperitivo e non solo, il G.H.MUMM è ottimo anche per accompagnare le carni bianche, il pesce e i salumi (come il prosciutto o il petto d’anatra affumicato). I rituali dello champagne di G.H.MUMM introducono gli appassionati del XXI secolo a nuovi modi di apprezzare lo champagne. Per esprimere al meglio i suoi aromi e la sua struttura, questa cuvée deve essere servita a una temperatura di 8°C.

Lo stile di ogni cuvée di G.H.MUMM è un costante, sottile equilibrio di freschezza e intensità:
• Una cuvée assemblata a partire da 77 cru, tutti unici.
• La varietà di uva tradizionalmente utilizzata da G.H.MUMM, il pinot nero (45%), conferisce al vino corposità e forza.
• Lo chardonnay (30%) assicura finezza ed eleganza.
• Le note fruttate, aspre e rotonde del pinot meunier (25%) completano il tutto.
• Le diverse varietà di uva e i diversi cru vengono pigiati e vinificati separatamente per preservare l’ampia varietà di aromi e sapori.
• L’aggiunta di un 25-30% di vini di riserva dà maggior spessore al prodotto finale.
• Il residuo zuccherino è pari a 8 g/l, per assicurare la coerenza con lo stile di G.H.MUMM.

taittinger-bucket-glasses-white
Taittinger – Reims

 

Taittinger Champagne è situato a Reims e la Maison possiede più di 260 ettari di vigneti, 170 lavorati ad aratro, senza diserbanti. Taittinger Brut Prestige è una miscela di una cinquantina di diversi cru, composto da Chardonnay (40%) e Pinot (60%) da diverse annate maturato alla perfezione. Tale elevata percentuale di Chardonnay è raramente presente negli champagne non-vintage. Il corpo è brillante colore giallo oro. Le bolle vanno bene, mentre la schiuma è discreta ma persistente. Il naso, molto aperto ed espressivo, offre aromi di frutta e brioche. Dà anche fuori dal profumo di pesca, fiori bianchi (biancospino, acacia) e la stecca di vaniglia. L’ingresso nel palato è vivace, fresco e in totale armonia. Questo è un vino delicato con ricordi di frutta fresca e miele. Brut Prestige viene affinato in cantina per tre o quattro anni per raggiungere la perfetta maturazione e sviluppare ottime potenzialità aromatiche. Taittinger Brut Prestige è lo champagne per ogni occasione. Un simbolo di festa, questo vino è il partner ideale di festa per i traguardi più felice nella vita.
Veuve Clicquot Brut
Veuve Clicquot Brut

La tipica etichetta arancione di questo famoso champagne è, ormai, familiare a tutti noi ma forse non tutti sanno che deve la sua fortuna a Madame Barbe Nicole Ponsardin, donna intraprendente e volitiva che a soli 27 anni, alla morte del marito Philippe Clicquot (da qui il nome Veuve), prese in mano le redini della maison dandole lustro e notorietà. Grazie a lei l’azienda si espanse, sia per l’acquisto di nuovi vigneti che per l’esportazione in Russia e, quindi, con la successiva popolarità a livello europeo del suo champagne.

Giallo paglierino dai riflessi dorati e con fine perlage, apre su aromi di pan brioche, fiori bianchi e frutta secca, quindi note minerali gessose e vagamente dolci di miele e vaniglia. Colpisce il gusto per la freschezza e l’equilibrio, ha rimandi fruttati e una bella scia minerale in chiusura.

Perfetto come aperitivo, si sposa a piatti a base di frutti di mare e crostacei ma provate ad accompagnarlo ad un bel pezzo di pizza con la mortadella e non ve ne pentirete! Vitigno Chardonnay, Pinot Meunier, Pinot Nero Gradazione 12%.

Pommery Brut
Pommery Brut

Giallo paglierino scintillante, con fine perlage, apre su note fruttate e floreali di sambuco e mela, a seguire crosta di pane, mandorla dolce, pietra focaia e zeste d’agrumi. Palato rinfrescato dall’effervescenza ma in buon equilibrio con sapidità e acidità. Scia agrumata.

Perfetto aperitivo con canapè e tartine; a tutto pasto con piatti a base di pesce crudo e cotto e con fritture vegetali.

Pommery, dalla città di Reims nella regione dello Champagne, è un altro marchio storico e fra i leader nella produzione del noto vino frizzante. La maison che deve il suo successo alla fondatrice Madame Louise Pommery che con la sua grande intelligenza e passione riuscì a creare il primo champagne brut e contribuì in modo determinante a far espandere l’azienda. Da quei giorni sono passati 175 anni e Pommery può vantarsi di essere divenuta un’azienda di grandissima importanza, quotata nella borsa di Parigi e che comprende marchi quali Champagne Vranken, Champagne Charles Lafitte e Champagne Heidsieck & Co Monopole. Questo insieme di grandi marchi consente di avere una scelta di champagne piuttosto vasta, ogni marchio ha mantenuto i suoi pezzi migliori e tradizionali, ma con un’ evoluzione inevitabile nel tempo per rimanere al passo dei giorni moderni.

Pommery rappresenta anche un grande punto di riferimento per gli artisti grazie alle iniziative culturali che promuove fin dai tempi della sua fondatrice e che continuano ancora oggi, le cantine di questa maison sono praticamente delle gallerie d’arte per un connubio davvero speciale ed azzeccato

Il marchio ed il nome dello Champagne Pommery sono ormai diffusi e conosciuti in tutto il mondo ma sotto il brand e l’etichetta di questo vino si trova una zona di produzione delle più esclusive di tutto il mondo. I due aspetti più affascinanti di questo champagne sono senza dubbio l’azienda e il vigneto Pommery, in grado di ricevere la classificazione 100%. Tutte le uve utilizzate per la produzione di questo Champagne provengono infatti da 300 ettari dislocati tutti in sette villaggi Gran Cru: Sillery, Mailly, Verzenay, Bouzy, Ay, Avize e Cramant.

Questo non è comunque il solo aspetto esclusivo dello champagne Pommery, che infatti può vantare delle cantine fra le più belle e caratteristiche del mondo. Nel domaine Pommery infatti scendendo ben 30 metri sotto il livello del suolo si trovano 18 km di cantine ottenute sfruttando delle cave di gesso del periodo gallo-romano. In questo ambiente unico e speciale sia per l’atmosfera che per le caratteristiche necessarie alla maturazione del vino, riposano le grandi bottiglie di uno dei brand di champagne più apprezzati al mondo.

 

Roederer
Louis Roederer

La freschezza, la finezza e il brio di Brut Premier sono un invito alla festa. La sua trama strutturata, la sua ricchezza e la sua lunghezza sono decisamente vinose. È completo, complesso, moderno e possente, pur rimanendo un grande classico.

Assemblaggio di circa il 40% di Pinot nero, 40% di Chardonnay e 20% di Pinot Meunier, Brut Premier unisce i vini vinificati in fusti di rovere dei tre vitigni della Champagne, provenienti da diversi cru selezionati da Louis Roederer. Viene fatto invecchiare per 3 anni in cantina e riposare almeno 6 mesi dopo lo sboccamento.

PINOT NERO CUSUMANO: UN ROSSO PER IL PESCE

Un vino rosso da abbinare al pesce? Anche si. E quali tipi di pesce? Ma soprattutto quali sono le caratteristiche di questo vino rosso? Vinoteca Esposito vi presenta oggi il Pinot Nero di Diego Cusumano.
Caratterizzato da un luminoso colore rubino con riflessi cerasuoli e da un fresco ed accattivante impianto olfattivo in cui predomina il fruttato, con note delicate di ciliegia, prugna e lampone in alternanza, il Pinot Nero Cusumano al gusto lascia spazio a tannini fini, perfettamente fusi con sentori di vaniglia. Finale intenso e persistente al palato.
Cusumano, da più di mezzo secolo, ci regala vini che raccontano il territorio e propongono il loro carattere con profumi puliti e ben riconducibili ai vitigni di provenienza. Questo Pinot Nero è la conferma della filosofia produttiva che anima i fratelli Diego ed Alberto, il maniacale desiderio di voler regalare piacevolezza dentro il bicchiere, a favore di tutti e non solo di chi conosce il vino, ma anche di chi semplicemente lo beve. Prodotto con uve provenienti dai vigneti di Piana degli Albanesi, zona tra le più pittoresche della Sicilia, questo vino ricco di personalità e profondamente legato alla natura del terreno è un vero piacere per il naso e per il palato.
Noi ve lo consigliamo in abbinamento su una pasta alla genovese di baccalà o un baccalà in cassuola, da degustare entrambi presso Vinoteca Esposito, Wine Bar ad Acerra.
12115447_1662195387372239_8418430550407083399_n
12274379_1662268717364906_3252258432581392249_n

Susumaniello: un vino sensuale, caldo e morbido

Nel curare la selezione di vini per i nostri amici clienti, noi di Vinoteca Esposito – Wine bar e Baccaleria ad Acerra, abbiamo da sempre un occhio di riguardo per le regioni del sud Italia. Il Susumaniello IGP Salento Serre, di Cantine Due Palme è uno di quei prodotti che sorprendono piacevolmente. Ricavato dall’omonimo vitigno autoctono, di probabili origini dalmate, diffuso da tempo in Puglia, in provincia di Brindisi, questo vino rosso, deve il suo nome a seconda delle interpretazioni, alla capacità della pianta di caricarsi di molte bacche (come un somarello) nei primi 10/15 anni di attività o perchè per lo stesso motivo, consentiva davvero di caricare i somarelli di uva in quantità tali da superare le altre tipologie di vitigno.

Il vino si presenta limpido di un rosso rubino molto intenso con riflessi violacei sull’unghia del bicchiere, consistente. L’olfatto si presenta intenso con sentori vinosi e fruttati di frutta rossa polposa come l’amarena, prugna e confettura di more selvatiche, seguono profumi vegetali di foglia di vite, speziati di pepe verde e accenni di foxy, seguono lievi sentori tostato-vanigliati che rendono l’olfatto complesso e fine. Al gusto è un vino secco, caldo e morbido, per quanto riguarda le durezze si presenta sapido e abbastanza fresco, in questo caso l’acidità segna il passo a favore della sapidità e i tannini sono presenti ma ben addomesticati, per niente ruvidi ed irruenti.

Ideale con parmigiana, piatti sapidi a base di carni rosse, selvaggina nobile, si trova anche in perfetta armonia con formaggi fermentati e stagionati.

Le 5 cose sul Vino Novello che non tutti sanno

Il Vino Novello è una di quelle cose che fanno dell’autunno una stagione degna di essere vissuta. Scopriamo insieme alcune delle caratteristiche che rendono unico questo vino particolare.

1) Non è un vino nuovo, giovane, frutto della vendemmia più recente, ma un vino che viene prodotto diversamente da quello tradizionale attraverso una particolare tecnica di vinificazione chiamata macerazione carbonica che consente di renderlo bevibile molto presto, a soli due mesi dalla vendemmia.

2) Non regge l’invecchiamento. Proprio per la tecnica di vinificazione con cui viene prodotto, il vino novello è in grado di mantenere inalterate le sue caratteristiche per un lasso di tempo che non va oltre i sei mesi dall’imbottigliamento.

3) E’ amico della dieta. Infatti per la sua bassa gradazione alcolica, (intorno agli 11°) non risulta particolarmente ricco di calorie. Un vinello beverino e light, ma occhio ad abusarne perchè 11 – 12 gradi sono comunque un bel livello di alcolicità.

4) In Francia viene prodotto il Beaujolais Nouveau con cui il nostro novello è in eterna concorrenza.

5) Quella di consumare vino novello e castagne è una tipicità che accomuna tutta l’Italia, dal nord tirolese dove la tradizione si chiama Törggelen, fino al resto d’Italia dove abbondano feste di paese e sagre per San Martino (11 novembre) una figura legata indissolubilmente all’accoppiata vino e castagne.