Archivi categoria: Tradizioni

Fiano e Taurasi pregiati per le vostre tavole di Natale e Capodanno

Vi presentiamo due bottiglie d’eccezione che non possono mancare di accompagnare pranzi e cenoni delle vostre feste. Li trovate da noi in enoteca, in Piazza Castello ad Acerra. Sono delle rinomate Cantine di Fontenovella.


Fiano di Avellino docg

CANTINE DI FONTENOVELLA

Il Fiano di Avellino DOCG e’ un vino bianco secco, intenso, elegante e strutturato, adatto anche all’invecchiamento. Armonico, equilibrato e ricco di sfumature di frutta secca ha un profumo fino molto caratteristico. La produzione è rigidamente controllata dal disciplinare per la denominazione di origine controllata e garantita della provincia di Avellino.

Zona di produzione: LAPIO (AV).

Tipologia del terreno: argilloso-calcareo.

Sistema di allevamento: a spalliera con resa per ettaro 70/80 q.li

Tempo di raccolta: Ottobre

Vitigno: Fiano in purezza

Colore: giallo paglierino tenue.

Profumo: fruttato, elegante con toni pronunciati di mela verde.

Sapore: sapido, fine ed equilibrato con lunga persistenza.

Abbinamento: antipasti di mare, risotti di mare e coniglio al vino bianco.

Temperatura di servizio: 8°/10°

Titolo alcolometrico: 12,50%-13%

Acidità totale: 5,50/6,50

Estratto secco: 24/30

Tipo di vinificazione: L’uva diraspata, lievemente pigiata viene immessa in un vaso vinario coibentato e raffreddato per 10-12 ore alla temperatura di 4°-5° (criomacerazione) e poi pressata, il mosto fiore ottenuto subisce un illimpidimento mediante decantazione statica a freddo e fermentato a temperatura controllata (14°-16°).


Taurasi docg


Colore: Rosso intenso, tendente al granato con riflessi aranciati con l’invecchiamento.

Profumo: pronunciato, etereo, gradevole ed intenso con note di vaniglia e liquirizia con sottofondo di frutti di bosco.

Sapore: asciutto, austero, armonico, equilibrato con forte retrogusto persistente.

Abbinamento: piatti di buon spessore aromativo, primi piatti al sugo di carne, selvaggina, carni rosse, arrosto, formaggi stagionati e castagne.

Temperatura di servizio: 16/18° dopo una lunga ossigenazione.

Vinoteca Esposito, dal 1997 in Piazza Castello ad Acerra

CHIAMACI!

3667180590

Vinoteca Esposito

Siamo in Piazza Castello ad Acerra (NA), dal 1997.
Aperivino tutti i giorni e la domenica fino alle 14,00.

Le 5 cose sul Vino Novello che non tutti sanno

Il Vino Novello è una di quelle cose che fanno dell’autunno una stagione degna di essere vissuta. Scopriamo insieme alcune delle caratteristiche che rendono unico questo vino particolare.

1) Non è un vino nuovo, giovane, frutto della vendemmia più recente, ma un vino che viene prodotto diversamente da quello tradizionale attraverso una particolare tecnica di vinificazione chiamata macerazione carbonica che consente di renderlo bevibile molto presto, a soli due mesi dalla vendemmia.

2) Non regge l’invecchiamento. Proprio per la tecnica di vinificazione con cui viene prodotto, il vino novello è in grado di mantenere inalterate le sue caratteristiche per un lasso di tempo che non va oltre i sei mesi dall’imbottigliamento.

3) E’ amico della dieta. Infatti per la sua bassa gradazione alcolica, (intorno agli 11°) non risulta particolarmente ricco di calorie. Un vinello beverino e light, ma occhio ad abusarne perchè 11 – 12 gradi sono comunque un bel livello di alcolicità.

4) In Francia viene prodotto il Beaujolais Nouveau con cui il nostro novello è in eterna concorrenza.

5) Quella di consumare vino novello e castagne è una tipicità che accomuna tutta l’Italia, dal nord tirolese dove la tradizione si chiama Törggelen, fino al resto d’Italia dove abbondano feste di paese e sagre per San Martino (11 novembre) una figura legata indissolubilmente all’accoppiata vino e castagne.

Vinoteca Esposito

Siamo in Piazza Castello ad Acerra (NA), dal 1997.
Aperivino tutti i giorni e la domenica fino alle 14,00.